LE RAGIONI DELLA FESTA DI OGNISSANTI NEL MAGISTERO DELLA CHIESA CATTOLICA

0 Condivisioni

Di Maria Luisa Donatiello

In virtù del nome che a ciascun battezzato viene assegnato egli ha un santo a cui la propria vita è affidata e al quale può ricorrere pregando perché interceda per lui presso il Padre:
Il patrocinio del santo offre un modello di carità e assicura la sua intercessione. (CCC 2156)

Secondo il calendario liturgico delle festività della Chiesa cattolica il 1° novembre ricorre la Festa di Ognissanti celebrata solennemente dal popolo dei fedeli. Essa costituisce una preziosa occasione per affidare la vita, corpo e anima, al proprio santo.

Il Magistero della Chiesa spiega l’importanza delle figure dei Santi che rappresentano, per tutti i credenti, un modello di vita terrena, uno sprone a seguire Cristo e la speranza della vita eterna, piena e gioiosa al cospetto di Dio, che ci sostiene nel camminare e nel percorrere la via stretta della salvezza.

Questa grande importanza attribuita alle figure dei Santi è la ragione per la quale nel Catechismo della Chiesa cattolica (CCC) si legge:Facendo memoria dei santi, in primo luogo della santa Madre di Dio, poi degli Apostoli, dei martiri e degli altri santi, in giorni fissi dell’anno liturgico, la Chiesa sulla terra manifesta di essere unita alla liturgia celeste; rende gloria a Cristo perché ha compiuto la salvezza nei suoi membri glorificati; il loro esempio le è di stimolo nel cammino verso il Padre. (CCC 1195)

E ancora in riferimento anche all’Antico Testamento:
I patriarchi e i profeti ed altre figure dell’Antico Testamento sono stati e saranno sempre venerati come santi in tutte le tradizioni liturgiche della Chiesa. (CCC 61)

Insieme ai santi sappiamo per fede che anche i martiri, dal momento stesso della loro morte, godono di dimorare in Paradiso al cospetto di Dio e molti sono i santi morti da martiri, la lapidazione di Santo Stefano, la decapitazione di San Giacomo, la crocifissione di San Pietro e di Sant’Andrea sono esemplificative:Quando, nel ciclo annuale, la Chiesa fa memoria dei martiri e degli altri santi, essa proclama il mistero pasquale in coloro che hanno sofferto con Cristo e con lui sono glorificati; propone ai fedeli i loro esempi, che attraggono tutti al Padre per mezzo di Cristo, e implora per i loro meriti i benefici di Dio. (CCC 1173)

La festa di Ognissanti è dunque certamente l’occasione preziosa e solenne per promuovere la comunione tra la Chiesa terrena e la Chiesa celeste e rinsaldare l’alleanza tra gli uomini su questa terra e i Santi in Cielo.

 338 total views,  1 views today

0 Condivisioni